SAN BENEDETTO DEL TRONTO – 27/04/2002

*Un pubblico calorosissimo accoglie Luca dopo 10 anni
*Luca ci ospita nel suo camerino nonostante i mille impegni della giornata
*CHICCHI DI GRANO torna in scaletta dopo anni di assenza

Giornata ricca di appuntamenti quella di ieri, sabato 27 aprile, per Luca. Arrivato in mattinata a San Benedetto (in ritardo a causa del traffico autostradale), si è subito precipitato al Cinema-Teatro Calabresi dove ha ha preso parte ad una conferenza a cui hanno partecipato più di mille giovani appartenenti a scuole elementari, medie e superiori. A mezzogiorno è stato ospitato nei locali di Radio Azzurra, emittente locale. Molte le domande e i saluti dei fans. San Benedetto in trepidazione per il concerto della sera che, oltre ai marchigiani, ha raccolto tutti i fans del vicino Abruzzo.
Luca: “Quello di questa sera sarà un concerto di transizione tra il TOUR invernale e quello estivo che ci accingiamo a fare. La scaletta verrà riveduta e ci sarà più posto per i vecchi brani, visto che ormai il nuovo album è stato già presentato”.
Dopo aver fatto pranzo al “MOLO SUD”, ristorante tipico locale, è corso al palazzetto per il sound check che, come lo stesso Antonello Giorgi ci aveva anticipato, doveva essere molto curato, visto che l’acustica di un palazzetto non è delle migliori e visto che dovevano essere provati i nuovi pezzi in scaletta. Un violento acquazzone ha fatto temere per il gruppo elettrico esposto alla pioggia. Come annunciato, le prove sono andate avanti per ore, l’impegno di tutto lo staff per far sì che tutto andasse al meglio. Ci incontriamo con amici del sito, il grande Massimo di Ascoli Piceno, il suo amico Luca, Roberta e Leonardo e Fabio, anche loro presenti nella data di Porto S. Elpidio il 16/02. Dal nostro angoletto ascoltiamo il check e il simpaticissimo Antonello ci saluta dal palco. Le prove finalmente finiscono, molti vogliono correre da Luca.. ma il servizio di sicurezza è intollerante. Roberta si fa avanti perché ha un regalo per Luca. Si ferma all’ingresso degli spogliatoi.. e ci avviciniamo. Luca si concede, nonostante la giornata sia stata frenetica e nonostante avesse ancora un incontro con la Regione Marche prima del concerto. Mi vede e mi saluta, ne approfitto per accennargli del fatto che devo lasciargli delle e-mail. Mi guarda disperato, come per dire…NON HO TEMPO!… ma, con la sua solita disponibilità, ci pensa e mi dice “Guarda, aspetta solo un attimo”. Gli altri vengono allontanati, io rimango ad aspettare. Finalmente Monica viene a chiamarmi, ribadendo che Luca non ha tempo. Entro, Luca è seduto. Mi saluta di nuovo e mi chiede: “cosa devi consegnarmi?”. Io sfodero le e-mail che ho stampato e la lettera che Giorgia mi ha mandato. Stavolta Luca ho messo anche una mia lettera.. se vorrai leggerla. Le accenno di Claudia, una ragazza che da anni cerca di contattarlo per un concerto a favore di bambini leucemici. “Ok, le leggerò con più calma dopo” e alzandosi le ripone nel suo borsone da viaggio. Avrei mille cose da chiedergli, ma il tempo è poco, devo sbrigarmi! gli chiedo un autografo con dedica per tutti i fans del sito. Mentre scrive mi chiede: “Perché hai scelto PERSONESILENZIOSE?”… perché è un album a me molto caro e perchè credo rappresenti bene i tuoi fans e te, rispondo. Sorride. Poi gli chiedo un piccolo favore, un altro autografo. Non che non l’avessi, ma mi faceva piacere averne uno sul primo spartito di musica leggera che ho comprato… quello dell’album “Luca Carboni”. “AH!Guarda qua!”.. esclama sorpreso. “E’ un pò maltrattato” mi dice… rispondo “è consumato dal troppo uso!..è del 1987.. ne ha fatte di guerre!”. Lo sfoglia, pagina per pagina, mi dice.. ricordo che alcune canzoni avevano la tonalità errata e le controlla ad una ad una. Mi scrive la dedica. mi accorgo che sto rubando troppo tempo, quindi stringo e lo saluto. “Rimarrai al concerto?” mi chiede. “Certo Luca, potrei perdermelo, specialmente oggi che gioco quasi in casa?!”. gli faccio il mio in bocca al lupo.. lui lo ripete a me. GRAZIE Luca, GRAZIE Monica. Alla prossima.
Il concerto inizia alle 21:45. Il pubblico è calorosissimo, le urla delle fans sono assordanti. Mentre Luca parla è coperto dai vari “sei un mito”, “sei grande”, “sei unico”, “ti voglio bene”. Luca sorride, canta con piacere, si vede che il pubblico lo gratifica. Urla di gioia e di meraviglia quando Luca intona i vecchi brani… boato per “CHICCHI DI GRANO”, inserita per la prima volta in questo tour, ma che sarà proposta nel tour estivo. Concerto emozionante, credetemi, secondo me molto più di quello a Porto S. Elpidio. Sul finale… non ce la facciamo più!.. la mia fila, composta da Massimo, Luca, Leonardo, Roberto, Fabio… si alza.. tutti si alzano e corrono sotto al palco.. per seguire i tre brani finali da lì. Luca strizza l’occhio a tutti, si avvicina, scherza, ride, E’ UN MITO!

27/04/2002 – SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Scaletta della serata

01. Stellina (dei cantautori) – Al piano
02. La mia città
03. La nostra storia
04. Le parole
05. Colori
06. L’amore che cos’è
07. La mia ragazza
08. Ni-na-na
09. L’amore non lo sa
10. Chicchi di grano
11. Le storie d’amore
12. Gli autobus di notte – Al piano
13. Silvia lo sai – Al piano
14. Mi ami davvero
15. Inno Nazionale
16. Farfallina
17. Fragole buone buone
18. Ci vuole un fisico bestiale
——————————————————
19. Ci stiamo sbagliando – Presentazione della BAND
20. Vieni a vivere con me
21. Mare Mare

GLI ARTICOLI

Articolo 1

Progetto di volontariato internazionale con il supporto della Provincia di Ascoli. Serata al palasport di San Benedetto

Luca, musica e parole tra amici
di FRANCO CAMELI

SAN BENEDETTO — Il Palazzetto dello Sport “Bernardo Speca” di San Benedetto del Tronto, farà sicuramente il pieno per Luca Carboni. Nell’ambito delle manifestazioni per il 57° anniversario della Liberazione, la Provincia di Ascoli organizza il 27 aprile alle 21.30 il concerto di Luca Carboni, con i biglietti al prezzo speciale di 5 euro per gli studenti e 10 euro per gli adulti.
Il ricavato verrà devoluto per progetti di volontariato internazionale, mentre le spese per lo show sono a carico della Provincia, insignita della medaglia d’oro al valor militare per attività partigiane. L’iniziativa è andata in porto per l’interessamento personale del presidente della Provincia Pietro Colonnella.
Da quasi vent’anni sui palchi migliori e ai primi posti delle classifiche di vendita, Luca Carboni è uno tra la gente, che ha iniziato a scrivere storie di ordinarie inquietudini e aspirazioni giovanili, preso dall’urgenza di esprimere il proprio status emozionale. Poi è arrivato il successo che non l’ha abbandonato più.
E’ figlio della tradizione bolognese, con frammenti di Vasco Rossi nell’impostazione vocale e un’impronta sonora influenzata da Lucio Dalla, alla cui corte è stato allevato, tanto che all’inizio è stato ingaggiato dalla Pressing, l’etichetta fondata da Dalla per lanciare i nuovi cantautori. I momenti più esaltanti della carriera sono stati la vittoria al Festivalbar nel ’92 con Mare mare e il tour con Jovanotti, un evento unico e dallo straordinario successo, documentato nel disco Diario Carboni.
Dall’esordio con …Intanto Dustin Hoffman non sbaglia un film sono passati 18 anni e 10 album, tra cui Forever, Luca Carboni e Persone silenziose. L’ultimo Cd, intitolato semplicemente Luca, ha già venduto 300 mila copie e lo sta presentando al pubblico di teatri in città e in provincia.
Il calendario si chiuderà a fine aprile, a quel punto avrà collezionato 50 date, che di questo passo saranno 50 spettacoli da tutto esaurito.
Il rock è ancora molto presente, perché il gioco del tour è rivivere i momenti della carriera rispettando gli arrangiamenti originali. Lo show inizia con il primo singolo dell’84, Ci stiamo sbagliando ragazzi, prosegue con Sarà un uomo e il repertorio degli anni Novanta, si conclude con le parti acustiche e morbide dell’ultimo album. Ci sono anche momenti in cui si siede al pianoforte e racconta come nascono le canzoni. Luca Carboni torna al PalaSport a 10 anni dall’ultima apparizione, l’11 aprile ’92.
Sicuramente sarà un successo, e la sensibilità cantautore ben si coniuga allo spirito delle celebrazioni della Liberazione. E’ un buon autore e un abile confezionatore sonoro; merita ormai di essere considerato un nome di rilievo nella creatività della scuola bolognese, che ha lasciato nella canzone italiana una traccia che non accenna ad esaurirsi.
La sua poetica non è mai cambiata: una sensibilità moderna ma semplice, la capacità di cantare storie quotidiane della metropoli. Con questi ingredienti ha raccolto l’eredità dei bolognesi ed è diventato una star.

Articolo 2

Luca Carboni in concerto

Sabato 27 aprile, presso il Palazzetto dello Sport di San Benedetto, si terrà il concerto del cantautore Luca Carboni.

L’iniziativa fa parte delle manifestazioni organizzate in occasione del 25 aprile dalla Provincia di Ascoli Piceno, insignita della medaglia d’oro al valor militare per attività partigiane. Il concerto rientra nel “Luca Tour 2002”, spettacolo che vedrà riproposti tutti i maggiori successi del cantautore bolognese. Carboni iniziò la sua carriera nel 1984 con l’album “E intanto Dustin Hoffman non sbaglia un film” contenente il singolo “Fragole buone buone” che lo rese subito famoso, continuò poi nel 1985 con “Forever”, nel 1987 arrivò il grande successo con il disco “Luca Carboni” che conteneva brani come “Silvia lo sai” e “Farfallina” che si posizionarono subito ai primi posti delle classifiche. Nel 1989 uscì “Persone silenziose”, nel 1992 è stato l’anno del CD “Carboni” fino all’ultimo intitolato “Luca”.

Il cantante torna a San Benedetto dopo dieci anni, ed è stato scelto dalla Provincia per festeggiare il 57° anniversario della Liberazione, proprio perché si è sempre mostrato sensibile ai temi dell’impegno sociale essendo stato anche un volontario. Carboni nella mattinata di sabato incontrerà gli studenti presso il Cinema Calabresi. I biglietti saranno messi in vendita alla modica cifra di 5 euro per i ragazzi e 10 euro per gli adulti, il ricavato sarà devoluto per i progetti di volontariato internazionale; mentre il concerto verrà pagato dalla Provincia.

Alessandra Clementoni

Articolo 3

Concorso xxv aprile, gli studenti
premiati anche da Luca Carboni

SAN BENEDETTO — Circa mille studenti delle ultime classi delle Scuole di ogni ordine e grado della Provincia Picena, saranno i protagonisti della 24^ edizione del concorso ‘XXV Aprile’, bandito dall’Amministrazione Provinciale sui temi della ‘resistenza, dell’antifascismo e della pace’. L’inizio è alle ore 9, al cine teatro Calabresi, allorquando il presidente della Provincia, Pietro Colonnella e l’assessore alla Pubblica Istruzione, Maria Pia Silla, daranno il via alla manifestazione. Parteciperà alla premiazione dei migliori lavori, anche il cantautore Luca Carboni che, alle ore 21,30, sarà il primo attore del concerto promosso dalla Provincia Picena, al Palazzetto dello Sport. Il costo del biglietto è di 5 euro per gli studenti e di 10 euro per tutti gli altri fans di Carboni.

Articolo 4

Luca Carboni a San Benedetto del Tronto, 2002

Articolo 5

Carboni: le canzoni non sono solo evasione

SAN BENEDETTO — Un successo annunciato, quello di Luca Carboni, il cantautore bolognese che per la quarta volta, dal tour «Farfallina», nell’87-88, al concerto del ’92, al Palasport, pochi giorni dopo l’esondazione del fiume Tronto, è stato accolto da «un pubblico fantastico». In primis, dagli studenti delle scuole del Piceno, al teatro Calabresi. Sottobraccio al presidente della Provincia, Pietro Colonnella e all’assessore alla pubblica istruzione, Maria Pia Silla, Luca Carboni ha partecipato alla XXIV edizione del concorso ‘XXV Aprile 2002′. «I giovani gli hanno tributato applausi a non finire — dice il presidente Colonnella — una grande accoglienza». Cosa ha detto il cantautore alle giovani leve? «Che le mie canzoni, come quelle di altri miei colleghi, contengono testi impegnati e non solo di pura evasione. Testi — puntualizza Carboni — che sintetizzano valori importanti che fanno riflettere e pensare a quanto stiamo celebrando. E’ questo il bello della musica poiché coniuga festa, gioia, passione, dolore e valori radicati nella storia della nostra Italia, come la celebrazione del 25 aprile». Poi, il concerto, al PalaSport. «E’ stata una festa collettiva — la conclusione di Luca Carboni — con la conferma che il pubblico del Piceno mi vuole un gran bene». Il concorso è continuato con la premiazione degli studenti. I 18 allievi delle scuole superiori hanno avuto in premio una borsa di studio dell’importo di 1 milione, mentre agli altri colleghi sono stati consegnati gli attestati di merito, validi per il credito formativo all’esame di Stato. Infine, come premio agli 800 alunni delle elementari e medie, la visita alle ‘fosse Ardeatine’, a Roma. Questi i premiati con la borsa di studio: Melissa Corradi, Lucia Aurini, Andrea Celani, Erica Cameli, Marica Cataldi, Alessandra Di Martini, Valentina Vitelli, Stefania Rascioni, Eleonora Ritrecina, Chiara Montelpare, Stefania Camici, Federica Faini, Giulia Pelliccioni, Lorella Fanesi, Patrizia Barchetta, Lorenzo Rossi, Cristiana Mosca e Silvia Morganti.