Intervista fine anno 2014 a Luca Carboni

A conclusione di questo anno pregno di soddisfazioni, eventi, concerti e collaborazioni, ecco la tradizionale intervista di “Natale/Fine anno” che siamo soliti regalarvi. A tutti voi l’augurio di un meraviglioso 2015.

Ciao Luca! A più di un anno dall’uscita di “Fisico&Politico” e a quasi un anno dall’ultima intervista e dal magnifico concerto del 20 dicembre a Bologna, torni finalmente sulle pagine virtuali di PERSONESILENZIOSE.
Abbiamo fatto un patto: non parleremo del nuovo album, e lo rispetteremo!

Come stai?

Innanzitutto ciao Mirco e ciao a tutti!
Sto bene! Grazie!!!
Sto vivendo il momento di creatività di nuove canzoni… Quindi non posso che essere eccitato… Anche se, come sempre in questi casi, si alternano attimi di entusiasmo ad altri molto critici quasi paranoici verso quello che scrivi!

Fisico&Politico non è stato un vero e proprio album di inediti, ma sicuramente in questo anno hai lavorato tanto e ci hai regalato tante occasioni per incontrarti, fisicamente, visivamente o semplicemente di ascoltarti. Ripercorriamo questo anno insieme.

F&P è nato così quasi per gioco e poi è montato…diventando un album davvero importante…che mi ha dato tanti stimoli e mi ha fatto capire tante cose… Doveva essere solo una raccolta un po’ speciale per sottolineare questi 30 anni di musica invece è stato molto di più e mi ha tenuto in giro tutto l’anno!
Per non parlare della grande emozione che ancora mi porto dentro per il magico incontro con tutti i grandi artisti che sono entrati nel progetto!

Sembra che con Fisico&Politico tu abbia preso gusto a collaborare con altri artisti. Partiamo dall’ultima ospitata, diciamo quasi un ricambio di favore: hai duettato insieme ad Alice nel brano “Da lontano” del suo nuovo album “Weekend”. Come è nata questa collaborazione?

Si, io ho sempre amato le collaborazioni con altri artisti…anche perché fin dall’inizio non sono stato solo! Ho cominciato con i TeobaldiRock….Una band! Poi poco dopo mi sono trovato a fare musica e collaborare con un “gruppo” di artisti come Stadio, Lucio, Ron, Angela Baraldi…Più avanti come sapete ho vissuto molto intensamente collaborazioni bellissime come quella con Lorenzo nel 92 e più di recente l’album ed il tour Musiche Ribelli con Riccardo Sinigallia. Alice mi ha fatto sentire questa canzone del nuovo album che mi è piaciuta tantissimo così mi sono buttato… Penso che sarà il prossimo singolo del suo album! Alice per me è un mito!

Da una collaborazione passiamo ad un’interpretazione: ti sei cimentato con il grande Rino Gaetano cantando magistralmente “E IO CI STO” nell’album “SOLO CON IO” che celebra i 40 anni di musica di Rino Gaetano. Chi ti ha proposto di cantarla? Chi era per te Rino? Nelle tante interviste di questi anni questa è una domanda che mai ti è stata posta.

Questa cosa è nata da una richiesta che mi ha fatto la mia casa discografica Sonymusic … Ho accettato subito perché a me Rino mi piaceva! Un cantautore anomalo, molto ironico e duro allo stesso tempo che faceva sentire molto il Sud dentro le sue canzoni! Quando firmai il mio primo contratto con la RCA mi sono trovato a lavorare con persone che erano molto vicine a lui… Mi ricordo che quando arrivò la notizia della sua morte rimasi davvero colpito!
È stato bello cantare questa canzone… Di getto…Alla prima!

Dopo esser stato compagno di palco per quasi tutto il tour di suo figlio Alberto, ad ottobre sei stato premiato con il premio “Pierangelo Bertoli”. Cosa ha significato per te questo premio?

Ho conosciuto Alberto qualche hanno fa dopo avere realizzato Musiche ribelli… Mi invitò a cantare in piazza a Modena la mia versione di “Eppure soffia” con la sua band in una serata dedicata a suo padre… C’è stato subito un bel feeling e così in FISICO&POLITICOTOUR ho pensato che fosse giusto, dentro questi trent’anni di musica, sottolineare anche la riconoscenza verso il mondo cantautorale degli anni settanta… Il duetto con Alberto ha rappresentato proprio questo! In più… Faccio il tifo per Alberto nuovo cantautore a sua volta… In tour parlavamo spesso di come nascono le canzoni. Naturalmente il Premio ricevuto mi ha fatto davvero piacere ! E lo tengo nel cuore anche come stimolo per andare avanti a scrivere cose nuove!

Duetto a sorpresa quello con i Perturbazione che, oltre ad aver cantato con loro “I baci vietati” contenuta nel loro ultimo album “Musica X”, sei apparso nel loro video. Parlaci di questa collaborazione.

È vero! È stato un anno pieno di cose e fantastiche collaborazioni anche al di fuori di FISICO&POLITICO! Bellissima l’esperienza con la band Perturbazione! Una band nella quale ci sono diversi autori, tutti bravi…Ed hanno canzoni e testi straordinari !
“I baci vietati” mi ha subito colpito e sono entrato volentieri dentro il loro progetto collaborando anche con il loro produttore Max Casacci grande chitarrista, autore e fondatore dei Subsonica! Anche con loro è nato un bel feeling e potremmo incontrarci ancora!

Dai Perturbazione andiamo a Michele Bravi, vincitore di X factor 7 a cui addirittura hai regalato una tua canzone, “AMARTI DA QUI” liberamente ispirata alla poesia “Aquì te amo” di Pablo Neruda. Se non sbaglio qui c’è stato lo zampino di Michele Canova?

Si!
Ho scritto una canzone ispirandomi ad una bellissima poesia d’amore per Michele Bravi! Mi piace molto il suo modo di cantare…Spero trovi al più presto autori e canzoni giuste per lui, per la sua personalità…Gli auguro davvero di trovare la sua strada e tante belle cose in questo 2015 che sta arrivando! Naturalmente il produttore del primo album di Bravi era Michele Canova… con cui sto lavorando anche per il mio nuovo album, quindi è stato normale collaborare con lui sulla scelta della canzone e poi dell’arrangiamento.

Un gruppo, i Management del dolore post operatorio, hanno invece deciso di omaggiarti con una loro versione di “Fragole buone buone” contenuta nel loro album “McMAO”: hai ascoltato la loro versione? Come l’hai trovata? Ti avevano contattato per dirti della loro scelta?

Si!I MaDePo mi avevano fatto sentire la loro versione di Fragole buone buone! Anche con loro sono rimasto in contatto… È una bella Band che mi piace… Mi piace come scrivono…Anche in questi giorni stavo ascoltando un po’ di loro pezzi inediti che mi hanno mandato! Auguro belle cose anche a loro!

Dobbiamo aspettarci nuove sorprese per il prossimo anno? (nuovo album a parte, naturalmente!).
Il patto era di non farti domande sul nuovo album… ti chiediamo solo se dobbiamo aspettare ancora tanto 🙂

Naturalmente non posso parlare del nuovo album perché ci sto ancora lavorando… È ancora Caos!!!
Appena sarò in grado di farlo lo farò volentieri… Ma colgo l’occasione per augurare davvero di cuore a tutti gli amici di PS un anno ricco di belle emozioni e soprattutto di amore !
A presto!
Con amicizia e affetto!
Luca Carboni