Intervista a Claudio Lolli

claudio-lolli

Intervista a Claudio Lolli in occasione dell’uscita della cover “Ho visto degli zingari felici” di Luca Carboni e Riccardo Sinigallia.

Salve signor Lolli, Personesilenziose.it e SadJackGroup sono onorate di poterle rivolgere delle domande e la ringraziano vivamente per l’opportunità che ci sta offrendo con questa piccola intervista e le augurano ogni bene per il suo avvenire artistico.
In queste settimane su alcune radio,è in rotazione la cover che Luca Carboni canta della sua “Ho visto anche degli zingari felici”,brano storico,forse uno dei suoi pezzi più famosi:quanto le ha fatto piacere il fatto che un artista dello spessore di Luca nel realizzare un album di rivisitazioni abbia pensato (e scelto come singolo lancio) anche ad una canzone di Claudio Lolli che forse è stato colpevolmente dimenticato nel tempo fra i grandi da omaggiare………
Mi ha fatto molto piacere, ma non è solo un gratificazione personale. credo che Luca stia facendo, con queste Musiche ribelli, un’operazione di spessore,rimuovere dalla rimozione canzoni che hanno rappresentato i vertici della produzione italiana.

Sul forum Personesilenziose.it spicca in maniera evidente il dibattito sul significato della sua canzone.Abbiamo intuito che è un pezzo che si rivolge ai ragazzi dell’epoca (1976),ma se dovesse spiegare ad un ragazzo di oggi l’essenza vera del brano………………..chi sono questi zingari?

Gli zingari sono quelli che non hanno casa, quindi neanche un padrone di casa, quindi neanche un padrone. Il nomadismo della libertà e della felicità.La necessità della libertà e della felicità. Ci può parlare un attimo della storia di questo brano,perché per esempio scelse di dividerlo in due,un’introduzione e una parte finale?Crede che la versione aggiornata e unificata, cantata da Luca e Riccardo Sinigallia abbia mantenuto in pieno lo spirito e il contenuto del brano stesso?
Il brano era diviso in due parti perchè tutto l’album era un continuum, un disco concept, una suite in cui tutte le canzoni erano legate, musicalmente e concettualmente,da un segreto profondo. Uno dei primi e pochi concepì album in Italia, sicuramente uno dei pochissimi di un cantautore. Luca lo ha aggiornato e addolcito ma credo che,per questi tempi molto meno combattivi, abbia scelto lo spirito giusto.

E’ contento del fatto che pur attualizzandolo,l’arrangiamento realizzato da Luca e Riccardo non abbia snaturato la canzone?

Certo, la loro elaborazione è interessante e innovativa ma non stravolgente. Mi sembra che la mia canzone non sia stata interpretata da loro come un ‘pretesto’ ma come un ‘testo’ a cui realizzare un nuovo ‘contesto’.Il nuovo album che Luca proporrà a partire dal 16 Gennaio 2009 s’intitola Musiche Ribelli,una raccolta di canzoni che in fatto di contenuti dei testi e in alcuni casi anche di suoni,sono risultate fuori dai canoni normali della canzone leggera alla Battisti in cui i testi erano molto meno impegnati ma arrivavano molto prima al pubblico.In un periodo in cui le canzoni impegnate pressoché non esistono,quanto pensa sia importante proporre un lavoro del genere,far riscoprire il significato e la bellezza di certi brani come Ho visto anche degli zingari felici?
Vale la risposta alla domanda numero unoNel nuovo album di Luca saranno presenti anche canzoni di Jannacci, De Andrè,De Gregori, Finardi e molti altri cantautori impegnati del passato.Perché secondo lei oggi nel mondo musicale italiano non ci sono personaggi del vostro calibro che con la sola arma delle note combattono quelli che sono i mali della nostra società?
Il mondo è cambiato. Noi avevamo degli obbiettivi,dei nemici, molto dichiarati, aperti e riconoscibili. Poteva non essere difficili schierarsi. Oggi c’è nebbia,non sai bene chi sia il nemico, né se eventualmente esista. E’molto più difficile usare la musica come mezzo politico.Nessuno sa più di che cosa si sta parlando. Potresti scrivere una canzone contro Bush? Chi cazzo è? (Era, per fortuna!)Si dice che una canzone da sola non può cambiare la storia,ma secondo lei,qual’è veramente la forza che una canzone può avere dal punto di vista sociale?
La forza della poesia e della canzone, che è la sua sorellina minore, è quella straordinaria di scardinare il linguaggio, il deragliamento di tutti i sensi, scardinando il linguaggio si scardinano tutte le regole standard della vita sociale. La poesia è utopica,dice quello che non si può dire, è spiazzante e spaesante. Così il lettore,o l’ascoltatore,quando è alla stazione deve per forza chiedersi per dove fare il biglietto. Cioè deve avere un progetto. Questa è politica. Questa E’ la Politica. Sposta,l’utopia sposta e la poesia è la sua voce.

Piazza Maggiore,cuore pulsante di una città sempre viva dal punto di vista culturale,fulcro di una Bologna storicamente attenta alle problematiche sociali con particolare riferimento ai giovani.Quanto è cambiata secondo lei Piazza Maggiore dal 1976 ad oggi?E i ragazzi che la frequentano oggi,secondo lei, sono gli stessi di quelli di 30 anni fa in fatto di spirito e voglia di cambiamento oppure ha notato delle differenze?
Non lo so, non ho nostalgia.Guardo avanti e non giudico le differenze.Anzi,le trovo sempre interessanti,importanti ed educative. Sono i vecchi che devono imparare dai giovani, non viceversa. Anche se sono un insegnante.

E dal punto di vista musicale,come vede la Bologna di oggi?
Sommersa,ma non conformista. Questo Bologna non lo sarà mai, c’è troppa tradizione, c’è troppa musica che gira intorno, qualcosa uscirà…

In una nostra intervista,Riccardo Sinigallia ha affermato:”credo ci sia banalità nei testi che arrivano alla radio e alla televisione,ma ci sono molti artisti in Italia che scrivono canzoni bellissime ed emozionanti che sono automaticamente fatti fuori dai circuiti che portano alla cultura popolare di oggi solo perché emozionano veramente e quindi vengono considerati eccessivi o non funzionanti”. E’ d’accordo?
Assolutamente d’accordo. La mia storia d’altra parte è lì, anzi qui, a testimoniarlo.

Progetti per il futuro?

Un disco di canzoni d’amore ( il titolo è originale ,”Love songs”) con due grandi jazzisti italiani. Spero che uscirà a Marzo del 2009.

Realizzazione dell’intervista: Sad Jack Group per Personesilenziose.it
Si ringrazia vivamente per la disponibilità: Claudio Lolli, Sebastiano Maugeri e Lucia de La Brigata Lolli (www.bielle.org).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto