Gli Stadio trionfatori della 66ma edizione del Festival di Sanremo, pronti per partire in tour e per un concertone con ospiti Luca Carboni e Cesare Cremonini.

Per noi carboniani sabato sera, alla proclamazione del vincitore della 66ma edizione del Festival di Sanremo ci sarà sicuramente stato un momento di emozione e allo stesso tempo gioia nel vedere sul podio gli Stadio. Sì, perché, almeno per quanto riguarda ma, sono sicuro, per tantissimi di voi, gli Stadio fanno parte della storia di Luca, e li amiamo e seguiamo sempre da vicino. Ricordiamo infatti che il nostro Luca Carboni ha mosso i primi passi nella “musica vera” proprio scrivendo i testi per le prime canzoni degli Stadio, grazie anche all’occhio lungo del grande Lucio Dalla.

Fu proprio con canzoni scritte da Luca che parteciparono al loro primo Sanremo nel 1984 con il brano “Allo Stadio” e poi, nel 1986 con “Canzoni alla radio“. Due canzoni che oggi fanno parte del “repertorio storico” degli Stadio e che tutti amano.. ma che nella kermesse sanremese rimediò solo gli ultimi posti.

Gli Stadio vincono Sanremo e coronano un sogno per la loro lunga carriera artistica. Bello rivedere anche la “reunion” con i componenti storici Ricky Portera, Fabio Liberatori, e Beppe D’Onghia nella serata di giovedì con la cover omaggio a Lucio Dalla: “La sera dei miracoli“.

miss nostalgia, nuovo album stadio

E’ uscito proprio nei giorni del festival “Miss Nostalgia“, il nuovo album di inediti e gli Stadio sono già pronti per partire in tour dal 10 marzo (leggi le date qui).

[wp_ad_camp_1]

Il Comune di Bologna ha di conferire agli Stadio il Nettuno d’Oro, la più alta onoreficenza della città e ha già contattato Gaetano Curreri per un concertone degli Stadio che faccia da festeggiamento adeguato e che coinvolga tutta la città di Bologna. Luogo e data sono ancora da decidere, ma da subito gli Stadio hanno chiesto che sul palco con loro ci siano Cesare Cremonini («che consideriamo il nostro erede») e Luca Carboni («con cui abbiamo scritto le prime due canzoni che sono andate al Festiva»).